2016/2017: LA STAGIONE DELLE CONFERME PER IL TEATRO DI MIRANO

Comunicato Stampa
 
La prosa con una media da tutta esaurito, le Domeniche a Teatro con un exploit di abbonati,  il teatro scuola ben tarato sul bacino degli istituti miranesi: il 2016/2017 è il tempo del consolidamento di un percorso fatto di continue crescite
2016/2017: LA STAGIONE DELLE CONFERME PER IL TEATRO DI MIRANO
Una fase fondamentale, che testimonia un pubblico sempre più affezionato e una consuetudine culturale ormai radicata

(Mirano VE – 28.04.2017) – La stagione teatrale 2016/2017 del Teatro di Mirano segna un importantissimo momento di consolidamento dei risultati raggiunti nell’edizione 2015/2016, che si era rivelata in forte crescita rispetto alle stagioni precedenti. Questa fase è un passaggio decisivo, perché testimonia l’effettivo coinvolgimento degli spettatori nel tempo alla proposta culturale del Teatro di Mirano: un segnale estremamente incoraggiante che testimonia un pubblico sempre più affezionato e una consuetudine culturale ormai radicata, frutto del lavoro congiunto tra il Comune di Mirano e La Piccionaia Centro di Produzione Teatrale, e Arteven Circuito Teatrale Regionale per quanto riguarda la rassegna serale.

Nel caso della rassegna di prosa “La Città a Teatro”, poi, i risultati sorpassano le conferme e si trasformano in una vera e propria crescita, evidente soprattutto negli abbonamenti. Quest’anno, con 351 sottoscrizioni, è stata raggiunta la soglia massima ragionevole dei posti in abbonamento; un limite deciso per poter garantire il posto in sala anche agli spettatori a biglietto. Il risultato è un +6,5% di presenze, che va a confermare i già ottimi risultati della stagione precedente, con una media praticamente da tutto esaurito di 399 spettatori a serata, per un totale di 2.793 presenze. Continua a leggere

Annunci

“IL RE PESCATORE” per le scuole dell’infanzia

Rassegna LA SCUOLA VA A TEATRO 2016-2017
Martedì 11 aprile 2017 ore 10, Teatro di Mirano
FONDAZIONE TEATRO RAGAZZI E GIOVANI
IL RE PESCATORE
di Pasquale Buonarota e Alessandro Pisci
con Elena Campanella, Pasquale Buonarota e Alessandro Pisci
scenografia Lucio Diana
creazione luci Bruno Pochettino
musiche originali Pasquale Buonarota e Diego Mingolla
costumi Federica Genovese

É la storia di un re, un tempo leggendario, che ha abbandonato ogni cura di sé e del suo regno per dedicare tutto il suo tempo a pescare un pesce fra milioni di pesci. Un pesce favoloso che porta con sé un segreto e che dal fondo del mare lo chiama con voce amica. Un giorno però viene a disturbarlo uno strano signore, tutto preso da mille impegni quotidiani di cui vorrebbe liberarsi con un bel tuffo in mare, proprio accanto al re pescatore. Il Re glielo impedisce perché il tuffo farebbe scappare il pesce e con lui ogni speranza di conoscere quel mistero. Il re e il bagnante decidono così di attendere insieme il momento giusto per realizzare il proprio piccolo, grande sogno celato dal mare come un’antica promessa. Una favola delicata e divertente sul tempo, custode dei nostri sogni e desideri più segreti.

“SHERLOCK HOLMES” PER LE SCUOLE MEDIE

Rassegna LA SCUOLA VA A TEATRO 2016-2017
Venerdì 17 marzo 2017 ore 10, Teatro di Mirano
SOLARES DELLE ARTI / COLLETTIVO CINETICO
SHERLOCK HOLMES

progetto affidato a CollettivO CineticO
Concept Francesca Pennini
regia e drammaturgia Angela Pedroni, Francesca Pennini
coreografie e partiture fisiche Francesca Pennini in collaborazione con gli interpreti
in scena Simone Arganini Daniele Bonaiuti, Roberto De Sarno
costumi Titta Caggiati

luci e tecnica Emiliano Curà
produzione Teatro delle Briciole

foto di Jacopo Niccoli

Scrive Arthur Conan Doyle, il padre di Sherlock Holmes, che “il mondo è pieno di cose ovvie che nessuno si prende mai la cura di osservare”. L’idea che guida le parole e le azioni di questo spettacolo è la volontà assoluta, liberissima, giocosa, di rovesciare quella verità e osservare con divertita ostinazione il mondo. Sherlock Holmes si reincarna sulla scena in un anomalo terzetto di investigatori contemporanei, animati da una inesauribile voglia di andare oltre il volto immediato e ingannevole della realtà, di analizzare i dettagli e ipotizzare possibili soluzioni. L’occhio di una telecamera, moderno erede della lente di Sherlock Holmes, nella sua assoluta libertà di indagine scruta, analizza, rielabora tutti i recessi dello spazio-mondo: persone e oggetti, spettatori e proiettori, costumi e note di regia, e non si preoccupa di superare le pareti del teatro per puntare sulla vita là fuori che continua a scorrere, o di farsi strada dietro le quinte. Perché “le cose ovvie di cui è pieno il mondo”, se osservate, guardate, scrutate, possono dirci qualcosa di nuovo, rivelare un volto segreto.

ROBIN HOOD: continua la rassegna di Teatro Scuola

robin-hood
foto di Pasquale Susca

Nuovo appuntamento con il teatro dedicato alle scuole:

Venerdì 20 gennaio 2017 ore 10:00
Teatro di Mirano, rassegna “La scuola va a teatro 2016-2017

ARMAMAXA TEATRO
ROBIN HOOD
La storia di Roberto di Legno che colpiva sempre nel segno

di e con Enrico Messina e Giuseppe Ciciriello
disegno luci Fausto Bonvini
tecnico luci Francesco Dignitoso
assistenza alla produzione Andrea Visicchio
organizzazione Massimo Momoli
produzione ARMAMAXA teatro / Coop. ARCHELIA e TEATRI ABITATI,
Residenza Teatrale di Ceglie M.ca
regia Micaela Sapienza

Rico e Pino, moderni e un po’scalcagnati cantastorie, arrivano nella piazza del paese per raccontare la storia di Robin Hood. Una storia che non è una favola come tutte le altre, perché un po’ è vera e un po’ è inventata e lascia spazio al gioco e all’immaginazione di chi la racconta. Pino e Rico cominciano a “giocare” perdendosi piacevolmente, con giochi di parole e di immagini, in un’improbabile carta dell’Europa che accompagna il pubblico fino dentro alla foresta di Sherwood dove è il covo della banda di Robin Hood. Così fra digressioni storiche e geografiche, e divertenti interazioni con il pubblico, si compongono il luogo e il tempo della vicenda e ci si ritrova nel pieno del racconto. I due cantastorie narrano le molteplici avventure di Robin Hood fino ad arrivare alla Gara della Freccia d’Oro, in cui Robin sfiderà Re Giovanni per ridare dignità al popolo sassone e a tutta la povera gente di Nottingham. Come andrà a finire? Tutti vissero felici e contenti? No, perché quella di Robin non è una favola come le altre e perché è più bello pensare che la storia non finisca e che ovunque ci sia un prepotente che se ne approfitta ci sia qualcuno abbastanza coraggioso da mettersi un cappello verde e affrontarlo… anche perché così ci saranno sempre nuove storie da raccontare.

 

DRAMMATICA ELEMENTARE

Nuovo appuntamento con la rassegna LA SCUOLA VA A TEATRO, dedicato agli studenti delle scuole superiori:

3Martedì 17 gennaio 2017 ore 10
FRATELLI DALLA VIA
DRAMMATICA ELEMENTARE
di e con Marta Dalla Via e Diego Dalla Via
direzione tecnica Roberto Di Fresco
produzione La Piccionaia Centro di Produzione Teatrale

C’erano una volta la A di ape, la B di barca, la C di casa, e via così fino alla Z, ovviamente di zebra. Abbiamo cambiato queste regole: la A è di Attacco all’America, la G di Grande Guerra, la P di Poetica Polentona… Alcune accoppiate famose hanno dato vita a famosi vocabolari: il Devoto – Oli , il Sabatini – Coletti, il Castiglione – Mariotti… Come coppia anche noi abbiamo espresso il nostro desiderio di giocare con le parole per creare un dissacrante nuovo abbecedario: quello dei Fratelli Dalla Via. Siamo quello che parliamo. La nostre parole sono la nostra casa. Ci ispira pensare che un dizionario contenga tutta una lingua, ma che il dizionario da solo non basti per possederne i meccanismi. Ci travolge pensare al potere che hanno le parole e di come possano mutare pensieri e dna sociale, non solo di un singolo ma di una comunità.

Marta e Diego Dalla Via

“HO UN LUPO NELLA PANCIA” per le scuole elementari

Venerdì 2 dicembre, ore 10.00
LA SCUOLA VA A TEATRO 2016-2017

LA PICCIONAIA Centro di Produzione Teatrale / BABILONIA TEATRI
HO UN LUPO NELLA PANCIA
testo e regia di Valeria Raimondi e Enrico Castellani
parole di Enrico Castellani
con Carlo Presotto, Matteo Balbo e Pierangelo Bordignon
scene, costumi e registrazioni audio di Babilonia Teatri
produzione La Piccionaia Centro di Produzione Teatrale

ho-un-lupo-nella-pancia

Cibarsi non è solo un bisogno primario. Per noi umani è uno dei luoghi più importanti della relazione con chi ci sta intorno, luogo in cui prendono forma le nostre paure ed i nostri desideri. Protagonista è Bianco, un bambino che non mangia mai… beve soltanto. La storia si fa archetipo del bisogno di ogni bambino di trovare nel cibo non solo la possibilità di nutrirsi, ma un’occasione per ricevere cura e attenzione: amore. Attraverso il tema dell’alimentazione vengono così narrati alcuni passaggi tipici dell’età dello sviluppo e sottolineata l’importanza relazionale del cibo con particolare riferimento al rapporto adulto/bambino. La richiesta di cibo – così come il suo rifiuto – è una delle modalità con la quale i bambini, ma non solo, cercano di comunicare i propri bisogni, ansie e paure. Nella frenesia della quotidianità, a cui spesso si aggiungono le difficoltà e le paure dell’età adulta, il muro dell’incomunicabilità appare però invalicabile. Ecco allora che il “lupo” si fa sentire più forte, sembra quasi riuscirci a sbranare…

Lo spettacolo si inserisce all’interno del più ampio progetto “Favole da Mangiare”, promosso da “Prodigi Educational” in collaborazione con La Piccionaia. Si pone al centro il punto di vista e la voce dei bambini – con particolare attenzione alla fascia della scuola primaria – per indagare se e come parlano di cibo, e quali gusti/rifiuto in particolare manifestino.

LA NUOVA STAGIONE 2016/2017 DEL TEATRO DI MIRANO

Sarà Federico Buffa, l’11 novembre, ad aprire il nuovo cartellone. La campagna abbonamenti è iniziata il 15 settembre, prezzi invariati
IL TEATRO DI MIRANO TRA CLASSICO E CONTEMPORANEO: SPORT, STORIA, EMOZIONI, IRONIANELL’EDIZIONE 2016-2017 
Al Teatro Comunale di Mirano saranno proposte la stagione di prosa, la rassegna domenicale dedicata alle famiglie e gli spettacoli per le scuole miranesi, anche quest’anno cresciuti nel numero

(Mirano VE – 16.09.2016)  –  Angela Finocchiaro, Laura Morante, Ottavia Piccolo, Giuliana Musso; e ancora: Federico Buffa, Stivalaccio Teatro e Arca Azzurra: sono questi i nomi dei protagonisti dell’edizione 2016-2017 de “La Città a Teatro”, la rassegna di prosa del Teatro Comunale di Mirano.

E, com’è ormai tradizione, la Stagione di Mirano amplia la sua offerta, coinvolgendo nella sua proposta culturale moltelpici fasce di pubblico: tornano infatti anche il cartellone “Domeniche a teatro”, dedicato ai bambini e alle famiglie, e il programma di Teatro Scuola “L’arte dello spettatore”, quest’anno cresciuto ancora nel numero di appuntamenti vista la notevole risposta degli istituti scolastici – dalle materne alle superiori – della città di Mirano.

La Stagione è promossa dal Comune di Mirano, in collaborazione con La Piccionaia Centro di Produzione Teatrale, Circuito Teatrale Regionale Arteven, Regione del Veneto, Città Metropolitana di Venezia, Ministero dei Beni e Attività Culturali, Commissione Pari Opportunità del Comune di Mirano. La stagione aderisce alla “Campagna 365 giorni NO” alla violenza contro le donne, e il cartellone dedicato alle famiglie aderisce a “Mirano città delle bambine e dei bambini”.

Continua a leggere

7.619 GRAZIE!

La Stagione 2015-2016 del Teatro di Mirano si è conclusa e sono ben 7.619 gli spettatori – 2.385 in più rispetto alla scorsa edizione! – che hanno partecipato alle tre rassegne “La Città a Teatro”, “Domeniche a Teatro” e “La Scuola va a Teatro”.
A tutto il pubblico va il nostro GRAZIE sincero per una partecipazione sempre più viva e tangibile.
Arrivederci alla prossima Stagione!

newsl finale jpg